Foto: Alessia Caputo

L'ASSEDIO | THE SIEGE

Regia:  Monica Ciarcelluti
Coreografie:  Bassam Abou Diab
con: Mariangela Celi, Gisela Fantacuzzi, Olga Merlini, Rita Mosca, Christian Osolos, Bintou Ouattara, Ibrahim Ouattara, Elisa Ricagni, Emanuela Valiante

Luci  Renato: Barattucci
Costumi:  Annalisa Teseo
Fotografia:  Simona Budassi, Alessia Caputo
Coordinamento:  Alessandra Rossi
Ideazione e Produzione: Arterie
in collaborazione con: Atelier Matta, Caffeine – Incontri con la danza e Progetto Residenze Spazio Matta
con il Patrocinio del: TSA – Teatro Stabile d’Abruzzo
social-media partner: FATTIDITEATRO
special supporters Jessica Carlini | BluMagma Factory

SINOSSI

“[…] distruggete campi e città,
violate i templi, le tombe,
e torturate i vinti.
Morirete.
Tutti”.
J. P. Sartre, Poseidone da “Le Troiane”

“L’Assedio | The Siege” è un progetto interculturale di teatro-danza che pone al centro della creazione scenica il dialogo tra Oriente e Occidente. La fusione di artisti internazionali, provenienti da Italia, Libano, Burkina Faso, Argentina e Romania, diventa la chiave di lettura per affrontare i temi delle oppressioni: i desaparecidos durante la dittatura in Argentina, lo sfruttamento neocoloniale francese in Burkina Faso, l’esperienza della dittatura comunista in Romania, la politica chiassosa americana, gli eterni conflitti bellici in Libano e Medioriente, sono solo alcuni dei riferimenti dai quali è nata una scrittura scenica che vuole dare voce agli assediati e agli oppressi. 

“L’Assedio | The Siege”si basa su una grammatica e su un linguaggio gestuale che attinge la sua matrice dai riti religiosi islamici e dalla loro frammentazione, arrivando a fonderli in una forma d’arte dinamica che si nutre di azioni individuali e collettive e che si basa su due elementi fondamentali del Teatro classico greco: il coro e l’eroe e sul rapporto mutevole fra loro. La scrittura scenica non è solo basata sul movimento ma anche sull’uso della parola, del suono e della voce attraverso la polifonia linguistica. Con la riscrittura di testi di Brecht, Camus, Euripide, Sartre e di testi provenienti dal mondo politico e mediatico, attraverso un lavoro coreutico e d’ensamble, lo spettacolo ricrea una società ideale e senza leader, dove la lotta nasce da azioni colletive nel nome della libertà.

Scarica la scheda in PDF

L'ASSEDIO | THE SIEGE - TEASER

L'ASSEDIO | THE SIEGE - PROVE